Stevie Wonder: Superstition

Stevie Wonder: cantante, pianista, armonicista, compositore, ma soprattutto batterista dei suoi più grandi successi. Lo sanno già in molti, ma forse non tutti, ed è per questo che ho voluto dedicare questo appuntamento a lui, che, inconsapevolmente (o forse no?) ha segnato dei momenti importanti nell’evoluzione del Groove sul nostro strumento.

Approfitto di questo articolo per affrontare l’argomento dello “Swingin’ Sixteen”, o meglio sedicesimi che tendono alle terzine o viceversa. Praticamente è una suddivisione ritmica che si trova a metà strada tra le due, di chiara origine “nera” ed ha caratterizzato tutta la musica americana (Soul, R’n’B, Funky,etc.) già dai tempi della “Second Line”. Nel video si possono ascoltare esempi e capire come arrivare a suonarla tramite due metodi: il primo “matematico” (preso in prestito dal metodo di Peter Erskine); l’altro più musicale.

1234

Clicca qui per scaricare la rivista completa del mese di Marzo 2016 in formato digitale.

Bookmark the permalink.

I commenti sono chiusi